Selinunte, la Regione Sicilia approva la sponsorizzazione dei privati

Selinunte, la Regione Sicilia approva la sponsorizzazione dei privati.

MILANO – Finalmente è stato varato il regolamento regionale siciliano – che praticamente risulta identico a quello nazionale – e si risolve la vicenda del sito archeologico di Selinunte, l’antica città greca nel trapanese.

I FATTI – Per quindici mesi Vito Varvaro aveva combattuto come presidente della Cantine Settesoli la sua battaglia per sponsorizzare Selinunte, una delle aree archeologiche più preziose della Sicilia, anzi, dell’intero mondo. Il produttore vinicolo fra i più grandi d’Italia, offrendosi anche di organizzare una campagna per raccogliere fondi fra i privati, portava avanti la sua missione incontrando però tanti, troppi, ostacoli burocratici. Con le perdite in aumento l’imprenditore si stava arrendendo.

UNA PRECARIA AUTONOMIA – Per la Regione siciliana le sponsorizzazioni private ai beni culturali non erano possibili: mancava un regolamento regionale su quelle private. La domanda sorgeva spontanea, perché non sfruttare le norme nazionali? Ah no c’è l’autonomia regionale…

ARRIVA IL REGOLAMENTO REGIONALE – Poi un giorno la svolta. Varvaro viene chiamato da politici e burocrati per mediare. Alla fine della Regione promuove l’agognato regolamento regionale sulle sponsorizzazioni, identico nella sostanza a quello nazionale. Il lieto fine natalizio per la sponsorizzazione di Selinunte. Adesso manca solo la firma del contratto prevista in queste settimane.

© Riproduzione Riservata
Tags

Libreriamo

Da oggi anche il patrimonio artistico ha una sua linea di emergenza. Si chiama Culture Help e si propone di segnalare gli abusi che colpiscono tutti i giorni il patrimonio artistico italiano. La nuova linea raccoglierà le denunce e  darà voce a tutti i coloro che sono testimoni di danni, violazioni, disservizi, cattiva gestione nei confronti dai beni monumentali, culturali e artistici italiani.

Culture Help è ideata, gestita e sostenuta da Libreriamo  e si propone di dare voce a tutti i cittadini che vogliono segnalare abusi alla cultura attraverso gli strumenti che la rete oggi può offrire.

Culture Help darà voce anche ai giornalisti delle diverse testate locali e ai blogger presenti in rete, i quali sono già impegnati a segnalare abusi e danneggiamenti, disservizi e cattiva gestione e grazie al sostegno della community di Libreriamo potranno avere più forza per fare arrivare il loro messaggio.