Vandalismo, i giovani del servizio civile a tutela dei monumenti

sc

MILANO – I giovani del servizio civile tuteleranno i monumenti del nostro patrimonio artistico. Questa l’idea che grazie al provvedimento di iniziativa del vicepresidente del Consiglio regionale Marco Stella e della vicepresidente della commissione Sviluppo economico, cultura, istruzione e formazione Ilaria Bugetti è stato approvato con voto unanime.

IL PROGETTO – Il personale del servizio civile regionale si occuperà di presidiare il patrimonio storico, artistico e paesaggistico, nel tentativo di prevenire e arginare situazioni di criticità ed emergenza per i beni stessi. L’obiettivo è stato raggiunto con la modifica alla legge regionale 35 del 2006 sull’istituzione del servizio civile regionale.

LA LEGGE –  La legge specifica che “restando la competenza dello Stato in materia di tutela dei beni culturali”, le attività del personale del servizio civile regionale sono volte “al miglioramento della conservazione fisica, della sicurezza, dell’integrità e del valore del patrimonio anche mediante il presidio dello stesso”. Ma anche che “la diffusione della conoscenza dei beni del patrimonio anche mediante riproduzioni, pubblicazioni e ogni altro mezzo di comunicazione e informazione”.

LE PAROLE DI STELLA – Il consigliere Stella ha illustrato in Aula la proposta di modifica, “in un ambito che la Regione ha sempre valorizzato, l’ultimo bando per addirittura 13milioni di euro, con 2mila 500 ragazzi tra i 19 e i 29 anni che hanno partecipato, 613 i progetti presentati, oltre 400 quelli finanziati”. Per molti ragazzi, ha aggiunto lui, si è trattato di una esperienza “proficua, interessante, in alcuni casi anche utile per entrare nel mondo del lavoro. Intendiamo dare un’ulteriore possibilità, attraverso la valorizzazione dei nostri monumenti, un patrimonio da preservare e anche da far godere ai turisti. Ci sembra un modo per valorizzare quello che abbiamo, dare una opportunità in più ai ragazzi e farli sentire parte attiva della comunità”.

© Riproduzione Riservata
Tags

Libreriamo

Da oggi anche il patrimonio artistico ha una sua linea di emergenza. Si chiama Culture Help e si propone di segnalare gli abusi che colpiscono tutti i giorni il patrimonio artistico italiano. La nuova linea raccoglierà le denunce e  darà voce a tutti i coloro che sono testimoni di danni, violazioni, disservizi, cattiva gestione nei confronti dai beni monumentali, culturali e artistici italiani.

Culture Help è ideata, gestita e sostenuta da Libreriamo  e si propone di dare voce a tutti i cittadini che vogliono segnalare abusi alla cultura attraverso gli strumenti che la rete oggi può offrire.

Culture Help darà voce anche ai giornalisti delle diverse testate locali e ai blogger presenti in rete, i quali sono già impegnati a segnalare abusi e danneggiamenti, disservizi e cattiva gestione e grazie al sostegno della community di Libreriamo potranno avere più forza per fare arrivare il loro messaggio.