Shanghai, i bambini distruggono un’opera d’arte, le mamme ridono e li riprendono

dd

MILANO – Sta facendo il giro del mondo, scandalizzando tutto il web, il video cinese in cui dei bambini distruggono un’opera d’arte. I minorenni hanno rovinato la preziosissima “Angel is waiting”, l’opera d’arte contenuta in uno dei musei tra i più belli di tutta la Cina.

 

IL FATTO – Non solo le madri non intervengono ma riprendono anche divertite la scena con i telefonini. Le telecamere di sorveglianza hanno però ripreso quanto accaduto al museo del vetro di Shanghai. Quando i bambini fanno cadere un’ala dell’opera chiamata “Angel is waiting“, scappano. L’artista Shelly Xue ha deciso di rinominarlo “Broken”, “rotto”. Per realizzare l’opera l’artista aveva impiegato 27 mesi di lavoro. Il pezzo era dedicato alla figlia appena nata.

LE REAZIONI – Gli amanti dell’arte in Cina si sono indignati per l’atto vandalico che ha avuto luogo il giorno dopo la Giornata Internazionale dei Musei. La gente sui social media ha esortato i funzionari a prendere una politica di tolleranza zero nei confronti di tali incidenti.  Il filmato della sorveglianza può ora essere visto al museo in loop di fianco all’opera d’arte danneggiata.


 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tags

Libreriamo

Da oggi anche il patrimonio artistico ha una sua linea di emergenza. Si chiama Culture Help e si propone di segnalare gli abusi che colpiscono tutti i giorni il patrimonio artistico italiano. La nuova linea raccoglierà le denunce e  darà voce a tutti i coloro che sono testimoni di danni, violazioni, disservizi, cattiva gestione nei confronti dai beni monumentali, culturali e artistici italiani.

Culture Help è ideata, gestita e sostenuta da Libreriamo  e si propone di dare voce a tutti i cittadini che vogliono segnalare abusi alla cultura attraverso gli strumenti che la rete oggi può offrire.

Culture Help darà voce anche ai giornalisti delle diverse testate locali e ai blogger presenti in rete, i quali sono già impegnati a segnalare abusi e danneggiamenti, disservizi e cattiva gestione e grazie al sostegno della community di Libreriamo potranno avere più forza per fare arrivare il loro messaggio.