Roma, la città eterna invasa dai rifiuti

10072014102402_sm_8240

Si ritorna, ancora una volta, a parlare della questione rifiuti. Questa volta però, non ci troviamo in Campania ma a Roma. La capitale italiana, infatti, è al centro delle cronache perché invasa dai rifiuti

 

MILANO – Roma. La città eterna. Meta di tanti turisti, soprattutto in questo periodo. Turisti che, invece di ammirare le bellezze del Colosseo o di Campo dei Fiori, si trovano davanti agli occhi cumuli di rifiuti e cassonetti della spazzatura pieni fino all’orlo.

IL CASO – Una situazione inaccettabile e, soprattutto, poco igienica. La Caporetto dell’Ama , la municipalizzata che ha il compito di tenere pulita Roma, si trova a due passi dal Colosseo. Qualcosa però sembra non funzionare perché, proprio fuori da via Capo d’Africa, si trovano cumuli di rifiuti e cassonetti della spazzatura colmi fino all’orlo. I numeri sono davvero allarmanti. Su La Stampa, il reportage di Flavia Amabile denuncia “cinquantamila cassonetti per 2 milioni e ottocentomila abitanti, che con i pendolari del lavoro, raggiungono  quasi tre milioni e mezzo di persone, una quantità di rifiuti da raccogliere ogni giorno pari a 5 mila tonnellate, e una buona parte che resta in strada – si legge – cassonetti e marciapiedi sono pieni alle tre del pomeriggio a due passi dal Colosseo e dai Fori Imperiali pedonalizzati”.

IL PROBLEMA – Secondo Daniele Fortini, presidente di Ama, il problema è rappresentato dall’insufficienza delle strutture di trattamento. Su Il Messaggero, nell’articolo di Lorenzo De Cicco, si legge la sua prima dichiarazione in merito: “Ammetto l’intollerabile inefficienza dei servizi di raccolta – spiega – il collo di bottiglia è rappresentato dall’insufficienza delle strutture di trattamento e dalla dipendenza della Capitale da oltre dieci impianti industriali siti in bel otto Regioni Italiane. Basta un tamponamento sull’A1 per bloccare l’arrivo a Roma di uno dei 130 Tir che ogni giorno prelevano i nostri rifiuti”.

I QUARTIERI PIU’ COLPITI – L’Autorità di garanzia ha stilato una lista dei quartieri più bersagliati dall’emergenza rifiuti. Sono molti, e trai più colpiti ci sono Eur, Appio Latino, Tiburtino, Torrevecchia, Prenestino, Pietralata e Pigneto.

TOPI E ROGHI – Ancor più allarmante la denuncia pubblicata oggi su Il Messaggero “a via Battistini i residenti hanno più volte denunciato la presenza di topi tra i sacchetti della spazzatura tracimati in strada, mentre al villaggio Prenestino gli abitanti affermano di aver più volte visto roghi di rifiuti nei dintorni delle campane di vetro.”

SANZIONI IN ARRIVO –“ Nelle prossime settimane i vertici di Ama saranno convocati per un’audizione davanti all’autorità – si legge nel reportage di Lorenzo De Cicco – che avrà il compito di verificare la presenza di possibili danni dal punto di vista dell’igiene e della salute dei cittadini e se questi siano stati generati da contrasti tra azienda e lavoratori”.

 

10 luglio 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Tags

Libreriamo

Da oggi anche il patrimonio artistico ha una sua linea di emergenza. Si chiama Culture Help e si propone di segnalare gli abusi che colpiscono tutti i giorni il patrimonio artistico italiano. La nuova linea raccoglierà le denunce e  darà voce a tutti i coloro che sono testimoni di danni, violazioni, disservizi, cattiva gestione nei confronti dai beni monumentali, culturali e artistici italiani.

Culture Help è ideata, gestita e sostenuta da Libreriamo  e si propone di dare voce a tutti i cittadini che vogliono segnalare abusi alla cultura attraverso gli strumenti che la rete oggi può offrire.

Culture Help darà voce anche ai giornalisti delle diverse testate locali e ai blogger presenti in rete, i quali sono già impegnati a segnalare abusi e danneggiamenti, disservizi e cattiva gestione e grazie al sostegno della community di Libreriamo potranno avere più forza per fare arrivare il loro messaggio.