Roma, il Pantheon tra i rifiuti

Roma, il Pantheon tra i rifiuti

MILANO – La Città eterna torna sulle pagine dei giornali, e non per una questione di merito. Dopo essere stata piegata quest’estate da un’inchiesta del New York Times che ha mostrato al mondo quale sia la situazione di abbandono e degrado che regna nelle strade della capitale a causa dell’immondizia, Roma continua a far parlare di sé. Ancora spazzatura e ancora incredulità: il sistema di smaltimento dei rifiuti che infatti vige nel’Urbe prevede la raccolta porta a porta agli orari più improbabili. Testaccio, Trastevere, il centro, sono quindi invase da immondizia alle 8 del mattino come alle 14 o alle 22.

LA DENUNCIA DI UN PASSANTE – Ieri, nel primo pomeriggio, la denuncia dello stato di degrado in cui versa il celeberrimo monumento è arrivata da un lettore del Corriere.it che scrive al giornale “passavo di fronte al Pantheon e ho scattato una foto che a me sembra scioccante, una catasta di cartoni con vista sul monumento. Inutile dirvi che i turisti di passaggio erano più impressionati di me”.

LEGGI ANCHE: Il Colosseo usato come una toilette, fermato un turista francese

PROBLEMA DI RACCOLTA DIFFERENZIATA – Pare però che il problema questa volta non dipenda dal disinteresse dei cittadini romani. È infatti il sistema di riciclo e smaltimento dei rifiuti ad essere sotto accusa. Ci si domanda come sia possibile infatti che alle ore 14.30 possa essere presente proprio lì, in uno dei siti turistici più noti ed affollati di Roma, una tale catasta di rifiuti. Ovviamente i numerosi ristoranti e bar che circondano lo storico edificio producono una notevole quantità di rifiuti, ma il problema è alla radice: il punto di raccolta infatti è proprio nella piazza e l’Ama sembra raccogliere l’immondizia non proprio regolarmente.

LEGGI ANCHE: La Villa di Cicerone rischia il crollo

ABBANDONO E DEGRADO -“Un sussulto di orgoglio questa politica romana non riesce ad averla su il degrado e l’incuria che in questa città regna sovrana senza controllo. Oggi la piazza del Pantheon piena di rifiuti, il parco dedicato ai morti di Nassirya abbandonato nel degrado, ieri i topi che venivano fotografati dentro Fontana di Trevi, poi la spazzatura davanti ai musei, macchine dei vigili che presidiano una buca per tre giorni invece di combattere l’abusivismo davanti ai monumenti storici. Roma è una città fuori controllo dove tutti sono autorizzati a fare tutto, in un silenzio assordante della politica”, questa la dichiarazione di Stefano Pedica del Pd.

LEGGI ANCHE : Incuria e degrado, la Casa di Cavour abbandonata al suo destino

11 novembre 2015

© Riproduzione Riservata
Tags

Libreriamo

Da oggi anche il patrimonio artistico ha una sua linea di emergenza. Si chiama Culture Help e si propone di segnalare gli abusi che colpiscono tutti i giorni il patrimonio artistico italiano. La nuova linea raccoglierà le denunce e  darà voce a tutti i coloro che sono testimoni di danni, violazioni, disservizi, cattiva gestione nei confronti dai beni monumentali, culturali e artistici italiani.

Culture Help è ideata, gestita e sostenuta da Libreriamo  e si propone di dare voce a tutti i cittadini che vogliono segnalare abusi alla cultura attraverso gli strumenti che la rete oggi può offrire.

Culture Help darà voce anche ai giornalisti delle diverse testate locali e ai blogger presenti in rete, i quali sono già impegnati a segnalare abusi e danneggiamenti, disservizi e cattiva gestione e grazie al sostegno della community di Libreriamo potranno avere più forza per fare arrivare il loro messaggio.