Pisa, la campagna crowdfunding per salvare il “Duomo vecchio”

Duomo Vecchio,ph Luca Aless (da Wikipedia)

MILANO – Una nuova emergenza cultura. Si tratta di un’importante chiesa a Pisa, quella che per gli abitanti della zona è il Duomo vecchio. È la chiesa di San Paolo a Ripa d’Arno, un capolavoro che risale a prima dell’anno Mille. Un gioiello che da oltre tre anni è impossibile visitare perché chiuso, essendo inagibile e pericolante.

LA CAMPAGNA – Unicoop, per questo lancia la campagna per restaurare il “Duomo vecchio” e restituirlo alla sua città. L’associazione propone una serie di visite guidate in gruppo fino al 30 giugno ogni sabato dalle 9.30 e tutti i martedì, mercoledì e giovedì dalle 16.30 per finanziare i lavori di ristrutturazione. Unicoop Firenze finanzia il costo dell’itinerario – dal Palazzo dell’Arcivescovado fino alla Chiesa di San Paolo, passando per i luoghi simbolo della città – mentre ai partecipanti viene chiesto un contributo di 10 euro. I clienti Coop possono anche donare pochi euro o punti socio per sostenere le spese.

I LAVORI – Il cantiere è stato aperto a febbraio con i fondi Cei ma servono un milione e mezzo per completare i lavori, un restauro che può essere monitorato qui. Seguiranno poi altre iniziative per raccogliere altri fondi. E’ possibile donare a “Sostieni San Paolo” anche su Eppela.com, la piattaforma italiana di finanziamento collettivo.

Credit copertina: Duomo Vecchio, ph Luca Aless (da Wikipedia)

© Riproduzione Riservata
Tags

Libreriamo

Da oggi anche il patrimonio artistico ha una sua linea di emergenza. Si chiama Culture Help e si propone di segnalare gli abusi che colpiscono tutti i giorni il patrimonio artistico italiano. La nuova linea raccoglierà le denunce e  darà voce a tutti i coloro che sono testimoni di danni, violazioni, disservizi, cattiva gestione nei confronti dai beni monumentali, culturali e artistici italiani.

Culture Help è ideata, gestita e sostenuta da Libreriamo  e si propone di dare voce a tutti i cittadini che vogliono segnalare abusi alla cultura attraverso gli strumenti che la rete oggi può offrire.

Culture Help darà voce anche ai giornalisti delle diverse testate locali e ai blogger presenti in rete, i quali sono già impegnati a segnalare abusi e danneggiamenti, disservizi e cattiva gestione e grazie al sostegno della community di Libreriamo potranno avere più forza per fare arrivare il loro messaggio.