Pietà Rondanini di Michelangelo, a rischio a causa della metro

04072014185121_sm_8163

Sarà necessario installare un sistema antisismico prima di poter collocare la Pietà Rondanini, la “scultura più commovente mai realizzata” secondo Henry Moore, nell’Ospedale Spagnolo. Il motivo? Non un rischio di terremoto nella città di Milano, ma il passaggio della linea metropolitana sotto il Castello.

MILANO – La Pietà Rondanini, celebre scultura di Michelangelo, diventa protagonista di una vibrante vicenda. Un sistema antisismico verrà istallato nel Castello Sforzesco per garantire l’isolamento statico dell’opera del grande maestro. Ma queste misure di sicurezza non sono dovute a un rischio terremoto, ma bensì al passaggio della metro milanese, che potrebbe danneggiare gravemente la scultura. Il giornalista Enrico Arosio spiega e descrive la vicenda nell’articolo pubblicato sull’ultimo numero de L’Espresso.

IL SISTEMA ANTISISMICO – Sarà il gruppo THK, gigante giapponese dell’ingegneria antisismica, a fornire al Castello Sforzesco una piattaforma speciale in grado di garantire l’isolamento statico della scultura di Michelangelo, che vi lavorò sino alla vigilia della sua morte. La THK fornirà sia un isolatore sismico a ricircolo di sfere, che permetterà di assorbire gli effetti degli scosse più forti, sia un sistema di difesa basato su membrane di gomma che attenueranno le vibrazioni verticali. Il motivo? Sicuramente non vi è un rischio terremoto: Milano infatti è ufficialmente classificata zona sismica 4, valore che contraddistingue una pericolosità sismica molto bassa. Il vero motivo è poco noto, ed è da attribuire alla metropolitana milanese. Infatti esattamente sotto l’Ospedale Spagnolo, dove sarà collocata l’opera, passa la linea 1 e al passaggio della metro, nel tratto in curva tra Cadorna e Cairoli, la terra trema. L’installazione del sistema antisismico sarà dunque necessaria per poter collocare la scultura in quest’area del Castello, a lungo abbandonata e sottoposta a un lungo restauro.

L’OSPEDALE SPAGNOLO – L’ospedale Spagnolo, con un’area di 250 mq, è il luogo prescelto dove verrà collocata la celebre scultura “Pietà Rondanini” di Michelangelo. Nel 2012, la giunta Pisapia decise di rendere giustizia a questo capolavoro trascurato, da riproporre in un modo nuovo. Per questo, nell’ala vuota e malmessa, da luglio 2013 iniziarono i lavori di restauro dell’Ospedale, affidati allo studio Pertot Pracchi Rotondi, guidato dalla Soprintendenza. Ma una volta iniziati i lavori, sono emersi i decori , le vele ornate, gli stemmi di epoca spagnola, l’emblema di re Filippo II, e le tempistiche si sono allungate; difficilmente il restauro verrà ultimato prima di gennaio 2015. Una volta terminati i lavori di restauro, sarà necessario completare la fruibilità turistica della statua: 780 chili per 1,95 m di altezza, posizionata nell’apposito vano a prova di sisma e metro, che sarà visibile a 360 gradi, con turni di visita regolamentati.

8 luglio 2014 

© RIPRODUZIONE RISERVATA 

© Riproduzione Riservata
Tags

Libreriamo

Da oggi anche il patrimonio artistico ha una sua linea di emergenza. Si chiama Culture Help e si propone di segnalare gli abusi che colpiscono tutti i giorni il patrimonio artistico italiano. La nuova linea raccoglierà le denunce e  darà voce a tutti i coloro che sono testimoni di danni, violazioni, disservizi, cattiva gestione nei confronti dai beni monumentali, culturali e artistici italiani.

Culture Help è ideata, gestita e sostenuta da Libreriamo  e si propone di dare voce a tutti i cittadini che vogliono segnalare abusi alla cultura attraverso gli strumenti che la rete oggi può offrire.

Culture Help darà voce anche ai giornalisti delle diverse testate locali e ai blogger presenti in rete, i quali sono già impegnati a segnalare abusi e danneggiamenti, disservizi e cattiva gestione e grazie al sostegno della community di Libreriamo potranno avere più forza per fare arrivare il loro messaggio.