Parigi inaugura le nuove “Halles”

Parigi inaugura le nuove “Halles”

MILANO –  Dopo 5 anni di lavori Les Halles cambia volto. A soli 37 anni dalla nascita, quel posto che Emile Zola aveva ribattezzato “il ventre di Parigi”, cerca di conquistare les parisiens. Ormai da anni oggetto di interesse più per i turisti che per i parigini resta uno dei luoghi più conosciuti della capitale francese.

LES HALLES – Il grande ex mercato all’ingrosso che si trova proprio al centro della capitale nasce sui resti di magazzini medievali. Imponente, è proprio sotto l’impressionante copertura in vetro che si sviluppa un conservatorio e nuovi spazi ricreativi per le arti e l’hip hop. Ovviamente è stata implementata anche l’area commerciale, si passa dai 115 ai 150 marchi presenti in loco. Riusciranno ora i parigini a perdonare la distruzione dei suoi padiglioni ottocenteschi in ferro battuto agli inizi degli anni Settanta?

I LAVORI – L’area commerciale, a due passi dal centro Pompidou, è stata completamente riprogettata. I numeri parlano chiaro: quindici mila i metri quadri ricavati ex novo, per un totale di 75mila del nuovo ventre parigino. E’ stato speso oltre un miliardo per inaugurare una nuova fase per Les Halles, a fronte dei 200 milioni ipotizzati all’inizio. Il simbolo del rinnovamento è la Canopée, l’imponente struttura con tettoia, costata da sola 240 milioni, firmata dagli architetti Patrick Berger e Jacques Anziutti, che nasce per unire le parti e migliorarne così la resa.

© Riproduzione Riservata
Tags

Libreriamo

Da oggi anche il patrimonio artistico ha una sua linea di emergenza. Si chiama Culture Help e si propone di segnalare gli abusi che colpiscono tutti i giorni il patrimonio artistico italiano. La nuova linea raccoglierà le denunce e  darà voce a tutti i coloro che sono testimoni di danni, violazioni, disservizi, cattiva gestione nei confronti dai beni monumentali, culturali e artistici italiani.

Culture Help è ideata, gestita e sostenuta da Libreriamo  e si propone di dare voce a tutti i cittadini che vogliono segnalare abusi alla cultura attraverso gli strumenti che la rete oggi può offrire.

Culture Help darà voce anche ai giornalisti delle diverse testate locali e ai blogger presenti in rete, i quali sono già impegnati a segnalare abusi e danneggiamenti, disservizi e cattiva gestione e grazie al sostegno della community di Libreriamo potranno avere più forza per fare arrivare il loro messaggio.