Libreriamo Network

Milano, razzie e devastazioni al cimitero Monumentale

Milano, razzie e devastazioni al cimitero Monumentale

MILANO – Il cimitero Monumentale di Milano è un simbolo della città ma non solo, è anche un luogo d’arte. Nell’ultima settimana è stato colpito da numerosi saccheggi. Il Monumentale è considerato un museo a cielo aperto, realizzato dall’architetto Carlo Maciachini, ospita cittadini milanesi celebri, tra cui Raimondo Vianello e Sandra Mondaini.

IL MONUMENTALE – Il cimitero conserva le spoglie di personaggi celebri come Manzoni, Hayez, Marinetti, Meazza e don Gnocchi, e da sempre è stato un luogo appetibile per i ladri. Negli ultimi tempi sono stati registrati almeno 32 furti. Sono state colpite le tombe di Antonio e Alberto Ascari, padre e figlio, famosi piloti di Formula Uno, nonché quello di Ivanoe Fraizzoli, presidente dell’Inter negli anni ‘80.

I DANNI – Tombe rovinate, fiori divelti, rosari spezzati: il disagio arriva subito agli occhi degli astanti. La conta dei danni è parziale potrebbero essere stati coinvolti altri sepolcri. Per questo l’associazione Amici  del Monumentale lamenta le condizioni di alcune tombe saccheggiate e più in generale la condizione del campo santo.

© Riproduzione Riservata
Tags

Libreriamo