Milano, allarme crepe in Galleria

Milano, allarme crepe in Galleria

MILANO – La Galleria Vittorio Emanuele di Milano torna a fra notizia. Uno dei luoghi più belli e suggestivi di Milano è sotto la lente di ingrandimento dei tecnici dei Lavori pubblici del Comune. I tecnici tengono costantemente sott’occhio i mosaici della Galleria che risultano rovinati e deteriorati.

I PRIMI PROBLEMI – I più attenti fanno notare che le prime piccole crepe emersero già a partire dal 2012, all’indomani della chiusura dei lavori di restauro. Ma in quel caso la colpa fu data alle condizioni climatiche e quindi al freddo e alla neve.

LE CAUSE – Oltre agli sbalzi termici ora viene puntato il dito contro l’impresa che curò il restauro del 2011 che è intervenuta subito dicendo che all’epoca non tutti i marmi deteriorati furono sostituiti e che a questo punto le crepe sono rispuntate a causa delle stuccature saltate. In questo caso i motivi sono da ricercare, sempre secondo l’Impresa, nel continuo passaggio di turisti e nei metodi utilizzati per la pulizia: “Dovremo pensare a cambiare i metodi di manutenzione”. Ma c’è un’ultima ipotesi che vuole che le crepe si ripresentino per l’assestamento e il movimento del suolo dovuto agli spazzi sotterranei alla galleria che consistono negli scantinati dei negozi che decorano la Galleria. Seguirà nei prossimi giorni un report concreto sugli stati dei mosaici della Galleria che potranno approfondire le cause delle crepe.

© Riproduzione Riservata
Tags

Libreriamo

Da oggi anche il patrimonio artistico ha una sua linea di emergenza. Si chiama Culture Help e si propone di segnalare gli abusi che colpiscono tutti i giorni il patrimonio artistico italiano. La nuova linea raccoglierà le denunce e  darà voce a tutti i coloro che sono testimoni di danni, violazioni, disservizi, cattiva gestione nei confronti dai beni monumentali, culturali e artistici italiani.

Culture Help è ideata, gestita e sostenuta da Libreriamo  e si propone di dare voce a tutti i cittadini che vogliono segnalare abusi alla cultura attraverso gli strumenti che la rete oggi può offrire.

Culture Help darà voce anche ai giornalisti delle diverse testate locali e ai blogger presenti in rete, i quali sono già impegnati a segnalare abusi e danneggiamenti, disservizi e cattiva gestione e grazie al sostegno della community di Libreriamo potranno avere più forza per fare arrivare il loro messaggio.