“Mancano soldi per la manutenzione”, a rischio l’abbazia di Morimondo

"Mancono soldi per la manutenzione", a rischio l'abbazia di Morimondo

MILANO – 40 mila euro per salvare l’abbazia. Rischiano di cessare, per mancanza di risorse, le attività della Fondazione e del Museo dell’abbazia di Morimondo. Il grido d’allarme è stato lanciato dal parroco don Loi.

COSTI DI MANUTENZIONE – Fondata nel 1134 da monaci provenienti da Morimond, in Francia, e restaurata e riaperta a partire dal 2008, l’abbazia ha bisogno di 40 mila euro all’anno in più per ripagare i costi di manutenzione rispetto agli incassi di tutte le attività correlate per i visitatori, che pagano 3,50 euro per l’ingresso. La governance è in mano ad una fondazione, dopo l’intervento di sette milioni di euro grazie anche ai fondi regionali, ministeriali e di Fondazione Cariplo per completare il restauro.

LA PROBLEMATICA – La fondazione, però, non può partecipare ad alcuni bandi perché è richiesta una liquidità di partenza che non possiede, come riferisce don Mauro Loi al Corriere. “Pur essendo aumentate le nostre attività, sono venute meno tutte le altre risorse economiche — scrive don Mauro nella newsletter della Fondazione — È molto più facile restaurare un luogo che gestirlo nella quotidianità. E da questo punto di vista le porte della pubblica amministrazione sovracomunale si sono chiuse, dimenticando che Morimondo è un bene di tutti”.

L’APPELLO AI PRIVATI – Mancano anche i soldi per la manutenzione ordinaria e le spese “vive”, così come per progetti di più ampio respiro: ad esempio la digitalizzazione dei codici miniati. Servirebbero, per completare questa operazione, circa 12 mila euro che non ci sono. L’appello di don Loi è rivolto sia alle amministrazioni pubbliche sia ai privati che amano Morimondo: mandare avanti ogni giorno una struttura del genere ha costi che in qualche modo devono essere sostenuti. Il rischio è – altrimenti – avere restaurato l’abbazia e il monastero per poi non riuscire a renderli luoghi “vivi”, pieni di attività e di turismo.

© Riproduzione Riservata
Tags

Libreriamo

Da oggi anche il patrimonio artistico ha una sua linea di emergenza. Si chiama Culture Help e si propone di segnalare gli abusi che colpiscono tutti i giorni il patrimonio artistico italiano. La nuova linea raccoglierà le denunce e  darà voce a tutti i coloro che sono testimoni di danni, violazioni, disservizi, cattiva gestione nei confronti dai beni monumentali, culturali e artistici italiani.

Culture Help è ideata, gestita e sostenuta da Libreriamo  e si propone di dare voce a tutti i cittadini che vogliono segnalare abusi alla cultura attraverso gli strumenti che la rete oggi può offrire.

Culture Help darà voce anche ai giornalisti delle diverse testate locali e ai blogger presenti in rete, i quali sono già impegnati a segnalare abusi e danneggiamenti, disservizi e cattiva gestione e grazie al sostegno della community di Libreriamo potranno avere più forza per fare arrivare il loro messaggio.