L’Isis minaccia l’Egitto in un video: “Distruggeremo le piramidi”

Untitled design (3)

MILANO – Ancora minacce dallo Stato Islamico e ancora una volta nel mirino il patrimonio artistico dell’umanità. I terroristi minacciano di distruggere le piramidi in Egitto ma anche edifici più moderni, come il grattacielo Burj Khalifa di Duba. Il video è stato rilanciato dal sito di monitoraggio Vocativ e la sua autenticità è stata confermata da un gruppo di esperti.

IL VIDEO – Gli estremisti dell’ISIS hanno minacciato di distruggere le piramidi egiziane. A testimoniarlo un video rilasciato che mostra i combattenti far saltare in aria un tempio di 2.500 anni in Iraq. Il filmato mostra anche un militante che giura di demolire il tempio di Nabu nella antica città assira di Nimrud – prima che una massiccia esplosione riduca un edificio in macerie. 

ISIS extremists have threatened to destroy the Egyptian pyramids - after releasing a video purporting to show fighters blowing up a 2,500-year-old temple in Iraq (pictured) 

LA MINACCIA – La scena finale del video di dieci minuti mostra la grande piramide di Giza vicino alla capitale egiziana de Il Cairo,  altro obiettivo da far saltare in aria perché trattasi di uno degli ‘antichi siti costruiti dagli infedeli’. Non si sa da quanto l’ISIS abbia preso di mira il tempio Nabu – dedicato al dio babilonese della saggezza -, comunque il video mostra delle scritte con delle informazione sul muro del tempio prima dell’esplosione, inquadrando da un certo numero di angolazioni diverse.

Video shows information signs on the temple wall before the explosion is shown from a number of different angles

I DANNI – Sidu Husein al Tatani, responsabile del comitato delle attività archeologiche di Ninive, ha confermato la perdita: il tempio di Nabu è stato distrutto lunedì. A Nimrud, a sud-est di Mosul in Iraq, i terroristi hanno distrutto a marzo dello scorso anno due tori alati e numerosi templi, come altre costruzioni con i bulldozer.  Sono ancora molti e troppi i danni in Siria e Iraq a detrimento del patrimonio artistico mondiale.

© Riproduzione Riservata
Tags

Libreriamo

Da oggi anche il patrimonio artistico ha una sua linea di emergenza. Si chiama Culture Help e si propone di segnalare gli abusi che colpiscono tutti i giorni il patrimonio artistico italiano. La nuova linea raccoglierà le denunce e  darà voce a tutti i coloro che sono testimoni di danni, violazioni, disservizi, cattiva gestione nei confronti dai beni monumentali, culturali e artistici italiani.

Culture Help è ideata, gestita e sostenuta da Libreriamo  e si propone di dare voce a tutti i cittadini che vogliono segnalare abusi alla cultura attraverso gli strumenti che la rete oggi può offrire.

Culture Help darà voce anche ai giornalisti delle diverse testate locali e ai blogger presenti in rete, i quali sono già impegnati a segnalare abusi e danneggiamenti, disservizi e cattiva gestione e grazie al sostegno della community di Libreriamo potranno avere più forza per fare arrivare il loro messaggio.