La rinascita di Pompei, restaurate 6 domus

La rinascita di Pompei, restaurate 6 domus

MILANO – Pompei si prepara alla rinascita. Dopo anni dove si sentiva parlare solo di crolli e chiusure arriva finalmente la riapertura al pubblico di ben sei edifici.

IL GRANDE PROGETTO POMPEI – Il 23 dicembre, il ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini inaugura le sei domus riaperte. Ad affiancarlo il soprintendente Massimo Osanna e il direttore generale del Grande progetto Pompei, il generale dei carabinieri Giovanni Nistri. Non solo festeggiamenti agli scavi ma verrà tracciato anche il bilancio dell’intervento finanziato da Unione europea e governo con 105 milioni di euro. Un’occasione per fare anche il punto sullo stato di avanzamento dei lavori del Grande Progetto Pompei.

IL RESTAURO –  I lavori del Grande Progetto Pompei hanno permesso la riapertura al pubblico di sei aree: la Fullonica di Stephanus, la casa del Criptoportico, la casa di Paquio Proculo, la casa del Sacerdos Amandus , la casa di Fabius Amandius, la casa dell’Efebo.

IL FILM – Mercoledì il regista Pappi Corsicato con la proiezione del cortometraggio “Pompei, eternal emotion” realizzato dalla Regione Campania e dalla Scabec per la promozione dell’area archeologica.

© Riproduzione Riservata
Tags

Libreriamo

Da oggi anche il patrimonio artistico ha una sua linea di emergenza. Si chiama Culture Help e si propone di segnalare gli abusi che colpiscono tutti i giorni il patrimonio artistico italiano. La nuova linea raccoglierà le denunce e  darà voce a tutti i coloro che sono testimoni di danni, violazioni, disservizi, cattiva gestione nei confronti dai beni monumentali, culturali e artistici italiani.

Culture Help è ideata, gestita e sostenuta da Libreriamo  e si propone di dare voce a tutti i cittadini che vogliono segnalare abusi alla cultura attraverso gli strumenti che la rete oggi può offrire.

Culture Help darà voce anche ai giornalisti delle diverse testate locali e ai blogger presenti in rete, i quali sono già impegnati a segnalare abusi e danneggiamenti, disservizi e cattiva gestione e grazie al sostegno della community di Libreriamo potranno avere più forza per fare arrivare il loro messaggio.