Fornace Penna, storia di una meraviglia dimenticata

02072014174849_sm_8110

La Fornace Penna è un monumento di archeologia industriale e si trova in contrada Pisciotto a Sampieri, frazione del comune di Scicli in provincia di Ragusa. Fu realizzata tra il 1909 ed il 1912 su progetto dell’ingegnere Ignazio Emmolo, che si laureò in matematica a Catania e in ingegneria civile a Napoli nel 1895.

In questo video, ho voluto ripercorrere una serie di immagini di un luogo d’incanto, un vero e proprio monumento archeologico industriale; nato intorno al 1909 e distrutto da un incendio del 1924, produceva una grande quantità di tegole di argilla, esportate anche oltre i confini delle coste ragusane.

Considerato uno dei pochi esempi d’innovazione tecnologica e industriale, questo vecchio rudere è testimonianza di abbandono e disinteresse da parte delle istituzioni.
Il regista Fabrizio passa dalla narrazione storica alla denuncia per favorire la promozione, la difesa e la salvaguardia dell’antica fabbrica di contrada Pisciotto di Sampieri, luogo di grande interesse turistico.

La regia, il montaggio e la produzione sono miei, mentre i testi di Maria Vittoria Inì e Maria Calabrese sono guidati dalla voce di Carmen Attardi.

Fabrizio Ruggieri

9 luglio 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Tags

Libreriamo

Da oggi anche il patrimonio artistico ha una sua linea di emergenza. Si chiama Culture Help e si propone di segnalare gli abusi che colpiscono tutti i giorni il patrimonio artistico italiano. La nuova linea raccoglierà le denunce e  darà voce a tutti i coloro che sono testimoni di danni, violazioni, disservizi, cattiva gestione nei confronti dai beni monumentali, culturali e artistici italiani.

Culture Help è ideata, gestita e sostenuta da Libreriamo  e si propone di dare voce a tutti i cittadini che vogliono segnalare abusi alla cultura attraverso gli strumenti che la rete oggi può offrire.

Culture Help darà voce anche ai giornalisti delle diverse testate locali e ai blogger presenti in rete, i quali sono già impegnati a segnalare abusi e danneggiamenti, disservizi e cattiva gestione e grazie al sostegno della community di Libreriamo potranno avere più forza per fare arrivare il loro messaggio.