Aquileia, torna alla luce il primo villaggio dell’età del bronzo

Aquileia, torna alla luce il primo villaggio dell’età del bronzo

MILANO –  La campagna “Aquileia prima di Aquileia” è stata avviata nel 2013 per conoscere e tutelare meglio il territorio e sta funzionando. Gli archeologi dell’Università di Udine hanno fatto nuove scoperte nel sito del villaggio protostorico di Ca’ Baredi, a Terzo di Aquileia (Udine).

IL VILLAGGIO PROTOSTORICO – I ricercatori dell’Università di Udine stanno ricostruendo la vita quotidiana e l’organizzazione dell’abitato, risalente a 3200-3500 anni fa circa. Si tratta di una testimonianza che risale quindi all’età del Bronzo. Noto come Canale Anfora era un villaggio esistito per 300 anni. L’area venne bonifica e testimonia un centro vivo dislocato in maniera strategica al margine della laguna, su un dosso formato da un antico alveo del fiume Torre.

GLI SCAVI – Il lavoro archeologico ha permesso di recuperare alcuni elementi delle strutture proprie delle abitazioni, come basamenti di muri in ghiaia grossolana e pietrisco, insieme a focolari di diversi tipi e funzioni e un probabile forno. Rinvenuti anche vasellami, strumenti e suppellettili di uso domestico (come fusaiole e alari), e una grande fossa con molti vasi impilati in attesa di essere riciclati per la costruzione e il rifacimento dei piani dei focolari.

© Riproduzione Riservata
Tags

Libreriamo

Da oggi anche il patrimonio artistico ha una sua linea di emergenza. Si chiama Culture Help e si propone di segnalare gli abusi che colpiscono tutti i giorni il patrimonio artistico italiano. La nuova linea raccoglierà le denunce e  darà voce a tutti i coloro che sono testimoni di danni, violazioni, disservizi, cattiva gestione nei confronti dai beni monumentali, culturali e artistici italiani.

Culture Help è ideata, gestita e sostenuta da Libreriamo  e si propone di dare voce a tutti i cittadini che vogliono segnalare abusi alla cultura attraverso gli strumenti che la rete oggi può offrire.

Culture Help darà voce anche ai giornalisti delle diverse testate locali e ai blogger presenti in rete, i quali sono già impegnati a segnalare abusi e danneggiamenti, disservizi e cattiva gestione e grazie al sostegno della community di Libreriamo potranno avere più forza per fare arrivare il loro messaggio.